Pronto e vinci con noi: il quiz a premi di Domenico Milani da oggi su LaC Tv

Il programma incornicia il Tg delle 14.15 e andrà in onda dal lunedì al venerdì a partire da oggi, primo aprile. Appuntamento alle 13.30, per proseguire sino al notiziario, con rientro in studio dopo le news per la chiusura della puntata quotidiana.

 

Per essere brillante, per avere la perfetta padronanza dei tempi televisivi senza mai cadere nella noia o nell’eccesso, per essere sul pezzo con la giusta misura, non basta l’esperienza, il semplice curriculum. Per poter fare, e poter fare bene, bisogna avere talento e stile. Doti che non mancano a Domenico Milani.

Il gentleman della tv

Il volto noto della televisione calabrese unisce l’effervescenza delle origini latine alla misura acquisita grazie ad una carriera professionale che lo ha portato a operare in tutta Italia. In questo dualismo, mediato da solide buone maniere, si esprime al meglio l’essenza della sua conduzione. Oggi, è protagonista degli studi televisivi di LaC, grazie al quiz Pronto e vinci con noi.

La degna cornice del tg

Il programma, destinato ad “incorniciare” il tg delle 14.15, andrà in onda dal primo aprile, dal lunedì al venerdì. Diviso in due parti, si apre alle ore 13.30 per proseguire sino all’appuntamento con le news, e chiude la puntata con un rientro in studio di 15 minuti, in onda dopo i titoli di coda del notiziario. Una sfida nuova, destinata ad alzare il livello d’attenzione degli spettatori in quella fascia oraria, fidelizzando quanti sono interessati all’aggiornamento, alle info, alla cronaca, per unirli con quanti invece prediligono l’intrattenimento brillante e coinvolgente. Il programma è visibile sul canale 19 del digitale terrestre e sul canale nazionale 519 in Full HD, e in streaming sulle testate web del LaC tv. Una bella pagina di televisione, un notevole impegno di uomini e mezzi da parte del network LaC, che lui stesso ci illustra nel dettaglio, raccontando cosa proporrà grazie a questo gioco…

Un quiz per tutti

«Pronto e vinci con noi è stato pensato come quiz telefonico a premi, destinato alle famiglie, alle mamme, ai ragazzi: insomma, a quel target di spettatori che nella nostra fascia oraria si dedicano ad attività tradizionali. Una formula destinata ad incontrare, ad esempio, i gusti delle signore che in quel momento stanno preparando il pranzo, e che sono invogliate a partecipare grazie alla possibilità di vincere premi estremamente attrattivi, modulati sulla base della progressiva difficoltà delle domande».

I premi

«Il concorrente che riuscirà a prendere la linea, con il quale mi intratterrò di volta in volta, riceverà sempre un premio, un gadget del network LaC, pensato per fidelizzare il pubblico, e invogliare tutti alla partecipazione. Le domande alle quali sarà chiamato a rispondere, gestite da un programma informatico, saranno di cultura generale. Importante specificare che anche i premi, così come i quiz, saranno modulari, e di valore crescente: andranno appunto dal gadget di LaC al gioiello di Michele Affidato, orafo crotonese tra i più affermati».

I protagonisti? Pubblico ed ospiti

«Tengo tuttavia a sottolineare come, rispetto ad altri format, il valore aggiunto di Pronto e vinci con noi, è costituito dalla presenza in studio di un ospite speciale. Accanto a me ci sarà sempre un nuovo personaggio, del mondo dello spettacolo come del sociale: una sorta di co-protagonista del programma, destinato a cambiare ogni giorno, e che interagirà sia con i concorrenti che con la natura stessa del gioco, arrivando a determinare, laddove opportuno, l’argomento stesso dei quiz. A far da cornice, ed insieme arricchire ulteriormente il format, un elemento da me fortemente voluto, fondamentale per la perfetta riuscita del programma: il pubblico in sala, numeroso e ogni giorno diverso, scelto per interagire sia con il sottoscritto che con i concorrenti».

DTT. T2: Agcom pubblica Allegato 3 PNAF, il documento di pianificazione e definizione dei vincoli tecnici annesso al Piano 2019

L’Autorità per le garanzie nelle telecomunicazioni ha finalmente pubblicato l’atteso Allegato 3 al Piano nazionale di assegnazione delle frequenze da destinare al servizio televisivo digitale terrestre (PNAF, di cui alla Del. 39/19/CONS) in vista del T2.
Il documento si compone di 3 elementi: la nota esplicativa vincoli radioelettrici PNAF (ex Del 39/19/CONS), l’elenco dei siti candidati, e l’elenco dei PDV.
Ricordiamo che in data 07/02/2019 l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni aveva pubblicato la Delibera n. 39/19/CONS recante “Piano Nazionale di Assegnazione delle frequenze da destinare al servizio televisivo digitale terrestre (PNAF)” che, ai sensi dell’articolo 1, comma 1030, della legge 205/2017, come modificato dall’art. 1, comma 1103, della legge 145/2018, il piano nazionale di assegnazione delle frequenze da destinare al servizio televisivo digitale terrestre (PNAF).
L’elaborazione del PNAF T2 (ai quali effetti sulle singole regioni abbiamo dedicato un articolo di approfondimento specifico) ha tenuto in considerazione, oltre a quanto stabilito dal citato art. 1, comma 1103, della legge n. 145/2018, anche delle novità introdotte nell’art. 8 del Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici dai commi 1101 e 1102 relativamente alla riserva di capacità trasmissiva destinata alla diffusione di contenuti in ambito locale.

PNAF Aree tecniche 2019 1 - DTT. T2: Agcom pubblica Allegato 3 PNAF, il documento di pianificazione e definizione dei vincoli tecnici annesso al Piano 2019

Nel dettaglio, il PNAF T2 pianifica le frequenze per le seguenti reti digitali terrestri:
 12 reti nazionali in banda UHF, di cui una decomponibile per macroaree e una integrata da frequenze della banda III-VHF;
 1 rete locale di 1° livello in banda UHF con copertura non inferiore al 90% in ciascuna area tecnica (ad eccezione dell’area tecnica 3 in cui sono pianificate 2 reti locali di 1° livello e delle sub-aree tecniche 4a e 4b in cui sono pianificate ulteriori 3 reti locali di 1° livello);
 1 o più reti locali di 2° livello in banda UHF senza vincolo di copertura nel bacino di riferimento, in ciascuna area tecnica.

Le risorse frequenziali pianificate per le reti nazionali e per le reti locali di 1° livello sono riportate nel documento allegato sub 1 al provvedimento, mentre quelle per le reti locali di 2° livello nel documento allegato sub 2.
I vincoli radioelettrici, valevoli ai fini della presente pianificazione, sono specificati nel documento di pianificazione di cui al documento allegato sub 3, ora finalmente pubblicato.
L’utilizzo delle frequenze pianificate per le reti locali di 2° livello è subordinato all’esito della verifica, da parte del Ministero dello sviluppo economico, del rispetto dei vincoli radioelettrici definiti dal documento di pianificazione di cui al documento allegato sub 3. Per le reti locali di 2° livello possono, altresì, essere previste restrizioni all’uso di siti trasmissivi con area di copertura pluri-provinciale .
Ai fini della gestione del periodo transitorio, di cui all’articolo 1, comma 1032 della legge n. 205/2017, così come emendato dalla legge n. 145/2018, possono essere consentite utilizzazioni temporanee di frequenze anche in deroga ai vigenti piani di assegnazione, finalizzate alla risoluzione di problemi di natura interferenziale nonché allo scopo di minimizzare i disagi per l’utenza nella generale fruizione del servizio radiotelevisivo ed in particolare di quello pubblico.
Nel merito tecnico del PNAF T2, in relazione alla delicata condizione delle tv locali, secondo Agcom, “in considerazione della configurazione di pianificazione di riferimento (RPC) adottata nel presente PNAF per le reti locali di 1° livello (la stessa delle reti nazionali) e degli ulteriori parametri utilizzati (…), su ogni rete di 1° livello potranno essere trasportati circa 40 programmi locali in SD o circa 15 in HD. A questi si aggiungono poi, i circa 23 ulteriori programmi SD o circa 8 in HD trasportabili da ciascuna rete di 2° livello senza vincolo di copertura di popolazione nel bacino di riferimento”.
Infine, con la pubblicazione del nuovo PNAF, la delibera n. 290/18/CONS del 27/06/2018, recante il “Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze da destinare al servizio televisivo digitale terrestre (PNAF 2018)”, è stata abrogata e conseguentemente le vigenti delibere di pianificazione cessano di avere efficacia alla data di attuazione del PNAF, secondo il calendario nazionale definito con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di cui all’articolo 1, comma 1032 della legge n. 205/2017, così come emendato dalla legge n. 145/2018.(E.G. per NL)

Video Touring sarà la TV ufficiale della Mood Project Reggio Calabria

Video Touring sarà la TV ufficiale della Mood Project Reggio Calabria

La Mood Project Reggio Calabria comunica di aver raggiunto un accordo di Media Partnership con l’emittente televisiva Video Touring, che ricoprirà sino al termine della stagione il ruolo di TV ufficiale della compagine neroarancio.
L’emittente dell’editore Santo Frascati, visibile sul canale 655 del Digitale Terreste, trasmetterà in esclusiva la differita delle gare ufficiali della Viola Reggio Calabria il lunedì alle ore 22:30, ed in replica il mercoledì alle ore 21:05. Ogni Lunedì invece dalle 21.05 i tifosi neroarancio potranno seguire il format dedicato al basket calabrese con l’approfondimento delle gare della Mood Project, “Momenti Neroarancio”, condotto dal giornalista Giuseppe Dattola con la collaborazione di Alessandra Repaci.

Da sempre, VideoTouring è vicina al mondo dello sport, in particolare alle due società più importanti che la città esprime, ovvero Reggina e Viola. Adesso, dopo due anni di separazione, Video Touring torna ad affiancare una delle società storiche del panorama cestistico nazionale e sicuramente la più importante della regione Calabria.
Un connubio ritrovato che riempie d’orgoglio Touring e la Viola Reggio Calabria, consapevoli che veicolare il messaggio positivo dello sport e della passione dei tifosi è obiettivo comune delle due realtà.

Video Touring e Viola Reggio Calabria, emozione in azione!

Fonte: Viola Reggio Calabria