Reggio Tv compie 20 anni

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

 

Auguri a Reggio Tv per i suoi 20 anni.

Reggio TV nasce il 15 maggio 1998 a Reggio Calabria. La sua sede iniziale si trova in via Vittorio Veneto ed è subito conosciuta per lo slogan “RTV – la televisione positiva”.

Nel 2008 si trasferisce presso la Zona Industriale di Campo Calabro (RC) e la sua struttura che si affaccia sullo Stretto di Messina è ben visibile anche dalla città di Messina.

Per diverso tempo, ha anche avuto uno studio televisivo a Gioia Tauro, poi dismesso.

A partire da marzo 2007, in modalità saltuaria, l’emittente effettua diversi test notturni in DVB-T, dalle 2 alle 6 del mattino.

In seguito all’esistenza di notevoli interferenze sul canale UHF 32, vennero intraprese delle azioni legali per cercare di ovviare a questo problema.

Forte di sentenze del TAR e del Tribunale Civile, l’editore di Reggio TV promosse una serrata con totale fermo degli studi televisivi. Una sorta di sciopero contrario che non tarda a dare i suoi effetti positivi. Anche il capo del governo del tempo, Romano Prodi, interessato dalla forma di protesta singolare quanto risoluta, intervenne.

La stampa locale e quella nazionale richiamata dal clamore contribuirono alla soluzione del problema: le interferenze cessarono e Reggio TV riaprì.

Dal novembre del 2003, con l’acquisizione del canale UHF 47, Reggio TV trasmette anche su gran parte della provincia di Messina.

Dal 15 giugno 2012, a seguito dello switch off della provincia di Reggio Calabria tirrenica, Reggio TV è visibile sul digitale terrestre nel canale 14 e in streaming da qualsiasi parte del mondo sul sito internet dell’emittente.

Da settembre 2012 Reggio TV trasmette anche nella provincia di Catanzaro sul mux di RTC Telecalabria e successivamente anche nelle province di Cosenza e Vibo Valentia.

Il 4 Agosto 2017 Reggio TV lascia il mux di RTC Tele Calabria per approdare in quello di Video Calabria.

ReggioTv sta per sbarcare sul mux Video Calabria

Dopo le varie vicende che hanno interessato ReggioTv comincia finalmente a delinearsi il futuro dell’emittente reggina.

Infatti sembra in dirittura d’arrivo l’inserimento dell’emittente sul mux Regionale di Video Calabria (UHF28) , che quindi andrà ad ospitare un’altra importante emittente Calabrese presente nell’arco 10-19 , in quanto Reggio TV-Sigma Tv (Lcn14) andrà ad aggiungersi alle emittenti già presenti come Ten (Lcn10), VideoCalabria (Lcn13) , Esperia (Lcn18) e LaC TV (Lcn19).

Reggio Calabria, Delfino e Ruvolo: “solidali e vicini ai dipendenti di ReggioTv”

Il presidente ed il vicepresidente del Consiglio Comunale di Reggio Calabria esprimono la loro solidarietà ai dipendenti di ReggioTv.

rtvIl presidente del Consiglio comunale di Reggio Calabria Demetrio Delfino e il vicepresidente Antonio Ruvolo esprimono piena solidarietà ai dipendenti di ReggioTv  che stanno vivendo il dramma della perdita del lavoro. Tale preoccupante situazione si ripercuote inevitabilmente sul servizio di pubblica informazione, già gravemente colpito dalla crisi economica dell’editoria. Per tali ragioni è stato depositato presso la Presidenza del Consiglio comunale un Odg inerente proprio la vicenda dei lavoratori ex Reggiotv . L’odg sarà trattato alla prossima seduta consiliare utile. “Intanto ci auguriamo che la nuova proprietà possa al piu presto farsi carico del problema e riassorbire i 16 dipendenti che hanno subìto la risoluzione del contratto di lavoro, ridando così speranza e dignità a tutti i lavoratori che fin qui, tra l’altro, hanno svolto un fondamentale servizio alla collettività” concludono.

Fonte: strettoweb

La redazione di Calabria Post vicina ai colleghi di ReggioTv

Con colpevole ritardo nei tempi, non certo di sostanza e di affetto personale, la redazione di CalabriaPost esprime per quanto questa possa servire nei fatti in un momento simile, vicinanza ai sedici colleghi di Reggio TV recentemente licenziati. Certi che le loro capacità maturate saranno comunque base per un solido futuro professionale per ciascuno, riteniamo che ancora una volta come già accaduto in passato l’assenza di istituzioni forti e attente.